HOME OGGETTI 3D LIBRI CORSI TUTORIAL FORUM SHOP CONTATTI   LOGIN









Autore Topic: Perizia  (Letto 2768 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Simenon379

  • Junior
    ...frequento ed imparo in fretta
  • *
  • Post: 315
Perizia
« il: 15 Luglio 2011, 09:48 »
Salve  a tutti amici...avrei bisogno del vostro aiuto.
Devo fare una perizia su un edificio ed al comune non esiste nulla... ne P.d.c. del palazzo, che sarà molto vecchio, ne Dia o altre pratiche consegnate in epoca recente.
Come faccio ad accertare che sul bene in questione non sussistono opere abusive o in difformità dal titolo abilitativo?
Ho pensato di farmi fare una dichiarazione dal Responsabile dell'Ufficio tecnico...ma cosa devo andare a scrivere nella mia richiesta scritta??

Grazie  a chiunque vorrà aiutarmi...
...ognuno è l'architetto di se stesso!

cri1401

  • Junior
    ...frequento ed imparo in fretta
  • *
  • Post: 600
Re: Perizia
« Risposta #1 il: 15 Luglio 2011, 10:10 »
Hai provato all'archivio storico?
E gli atti notarili? L'amministratore avrà di sicuro il regolamento di condominio fatto da un notaio dove di sicuro troverai dei riferimenti.
Se no ci sono stati dei passaggi recenti di proprietà? puoi chiedere ai proprietari se ti fanno vedere i loro atti di acquisto.
Altra soluzione: fare una storica a catasto così riesci a vedere in che epoca il terreno è passato da terreno a ente urbano.
« Ultima modifica: 15 Luglio 2011, 10:12 da cri1401 »

Simenon379

  • Junior
    ...frequento ed imparo in fretta
  • *
  • Post: 315
Re: Perizia
« Risposta #2 il: 15 Luglio 2011, 10:35 »
Grazie Cri...su questo ci sono!!

Ma voglio richiedere una dichiarazione del Responsabile dell'Ufficio tecnico, sull'inesistenza di atti al Comune, ed eventualmente se lui nella stessa dichiarazione scrive che l'opera è lecita nonostante l'assenza di titolo abilitativo in atti.

Insomma non riesco a scrivere la letterina da protocollare al comune
...ognuno è l'architetto di se stesso!

WF_ARCH

  • MODERATOR
    ...non tutti i supereroi indossano il mantello
  • *
  • Post: 2.247
Re: Perizia
« Risposta #3 il: 15 Luglio 2011, 10:50 »
se l'edificio è ante 1942 (Legge 17 agosto 1942, n.1150 (cosiddetta "legge urbanistica") emanata in tempo di guerra contiene norme per l'epoca molto innovative tese a ottemperare l'interesse sociale con quello individuale. Prescrive la pianificazione a vari livelli, normandone le modalità di approvazione; limita l'attività edificatoria per i comuni privi di strumento urbanistico; prevede la facoltà di espropriazione pubblica delle zone di espansione (mai attuata); introduce la licenza edilizia per tutti gli interventi dei privati), non esistono titoli abilitativi in quanto non vigeva nessun obbligo di presentazione di un progetto edilizio per l'ottenimento della relativa licenza / autorizzazione.


bye by WF


Simenon379

  • Junior
    ...frequento ed imparo in fretta
  • *
  • Post: 315
Re: Perizia
« Risposta #4 il: 15 Luglio 2011, 10:59 »
WF sono d'accordo, ma secondo te non è necessaria una dichiarazione del responsabile da allegare alla perizia, che mi tutela nell'ipotesi di opere abusive?
...ognuno è l'architetto di se stesso!

WF_ARCH

  • MODERATOR
    ...non tutti i supereroi indossano il mantello
  • *
  • Post: 2.247
Re: Perizia
« Risposta #5 il: 15 Luglio 2011, 12:30 »
se l'edificio è effettivamente ante 1942 ... il funzionario dell'UT ha poco da dichiarare circa la natura dell'opera, mancando il presupposto di competenza da parte dell'Amministrazione, può dichiararti che effettivamente l'immobile è stato costruito prima di quell'anno ... può dichiarare inoltre che successivamente al 1942 sono o non sono stati autorizzati interventi rilevanti dal punto di vista urbanistico (variazioni di sagoma / sedime / volume) ... ovvio che se stiamo parlando ad esempio di un condominio, escluderei di approfondire come le singole U.I. siano mutate nel corso degli anni a meno che le sopraggiunte modifiche non abbiano interessato aspetti comuni del fabbricato ... penso ad esempio all'apertura / chiusura di fori finestra, alla trasformazione di terrazze in logge ... ecc...

bye by WF

antonibon

  • MODERATOR
    ...non tutti i supereroi indossano il mantello
  • *
  • Post: 5.468
Re: Perizia
« Risposta #6 il: 15 Luglio 2011, 16:27 »
L'obbligo di citare gli estremi dell'atto autorizzativo è stato previsto, per la prima volta, dall'art. 41 della L. 47/85 e vale per gli immobili realizzati (resi agibili) dopo il 01/09/1967.
Quello che ti conviene fare è l'accesso al primo accatastamento dell'edificio in modo da vedere in che hanno sono state fatte le prime schede catastali.
Se fatte prima del 01/09/1967 (e comunque, per tranquillità, prima dell'entrata dello strumento urbanistico comunale) puoi prenderle come base per fare un confronto tra stato attuale e quello dell'epoca.
In caso che l'edificio non abbia subito modifiche il proprietario dichiarerà che l'edificio è stato realizzato prima del 01/09/1967 e che non è in grado di rintracciare gli atti autorizzativi...... d'altro canto anche l'ufficio tecnico comunale molto probabilmente non sarà in grado di affermare il contrario.......
Se invece riscontri delle difformità dovrai sanarle prendendo le planimetrie come stato approvato e allegando la stessa dichiarazione......
Antonello B.

ArchiCAD 23 :: Artlantis 7 :: macOS Catalina :: Windows 10 su VmWare Fusion 11.5.0

Simenon379

  • Junior
    ...frequento ed imparo in fretta
  • *
  • Post: 315
Re: Perizia
« Risposta #7 il: 22 Luglio 2011, 17:39 »
Antonello dire che la tua spiegazione è stata illuminante è poco!

Grazie mille a tutti
...ognuno è l'architetto di se stesso!